Federproprietà Napoli

Morta Gina Lollobrigida: addio alla ‘Bersagliera’. Aveva 95 anni

Pubblicità

È stata una delle grandi icone del cinema italiano

E’ morta Gina Lollobrigida, aveva 95 anni. Nata a Subiaco il 4 luglio del 1927, è stata una delle più importanti e note attrici del cinema italiano. Icona di bellezza e charme tutto made in Italy, è stata diretta durante la sua carriera dai più importanti registi italiani come Alberto Lattuada, Vittorio De Sica, Mario Monicelli, Pietro Germi, Alessandro Blasetti e Mario Soldati. Sofisticata ed elegantissima in ogni occasione, è stata amata anche dai grandi registi americani.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Partì da studentessa di Belle Arti nel paesino laziale di Subiaco e divenne una star mondiale. Per tutti era la «Lollo», in film indimenticabili come il ciclo di «Pane amore e…», «La Romana», «Il Tesoro dell’Africa», «La donna più bella del mondo», e negli anni ‘70 il «Pinocchio» di Comencini, dove immortalò la Fata Turchina. Anche a Hollywood recitò in tanti film – affiancando divi di fama mondiale da Rock Hudson a Frank Sinatra da Anthony Quinn a Sean Connery – tanto da guadagnarsi per sempre un posto tra le Dive. Sguardo inconfondibile, bellezza abbagliante, curve mozzafiato, l’attrice – che ha fatto girare la testa a registi e attori di ogni età (e non solo) – ha collezionato 7 David di Donatello, 2 nastri d’Argento e un Golden Globe.

Carriera in gran spolvero e vita provata turbolenta, il suo temperamento da ‘leonessa’ era stato messo a dura prova negli ultimi anni. «Ho il diritto di vivere ma anche di morire in pace», aveva confidato a Mara Venier in un’intervista a «Domenica in» nel novembre 2021.

Leggi anche:  Napoli, la camorra spara ancora: ucciso 32enne legato ai Mazzarella

La lotta con la famiglia di Gina Lollobrigida

L’attrice era infatti da tempo in lotta con la famiglia per questioni legate all’eredità e al ruolo del suo manager Andrea Piazzolla, finito a processo con l’accusa di circonvenzione di incapace. Un anno e mezzo prima aveva sfogato tutta la sua amarezza in una lettera indirizzata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Pubblicità

«Ho lavorato e rappresentato l’Italia nel mondo per oltre 70 anni, per avere un trattamento ignobile. Credo di meritare un po’ di tranquillità e non di essere trattata come una persona incapace, visto che non lo sono. Ho aspettato per anni perché credevo nella giustizia italiana. Mi sbagliavo e adesso hanno esagerato».

Un’altra vita (almeno da quanto traspare dalle poche notizie di cronaca) rispetto a soli sei anni fa quando per i suoi 90 anni la Bersagliera aveva festeggiato nel cuore di Roma: red carpet tra gli abbracci di vip della tv e della politica. E’ stata attrice, scultrice, pittrice, fotografa: abbandonate le scene si era trasformata infatti in fotoreporter e negli anni Settanta riuscì a intervistare Fidel Castro.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Attacchi a diplomatici italiani a Barcellona e Berlino. Identificate 5 persone

Gli episodi sono avvenuti ieri sera Due attacchi hanno colpito ieri i rappresentanti diplomatici italiani, a Barcellona e Berlino: lo si legge in una nota...

Qatargate, Juri vota all’unanimità revoca immunità a Cozzolino e Tarabella

Il voto definitivo si terrà giovedì La Commissione giuridica del Parlamento europeo (Juri) ha votato all’unanimità per la revoca dell’immunità parlamentare degli eurodeputati Andrea Cozzolino...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook