Rifiuti abbandonati e bruciati, indagato un imprenditore

L’uomo incastrato dalle telecamere di videosorveglianza

Scarti di lavorazione del legno abbandonati e dati alle fiamme: è l’accusa a carico di un imprenditore di Roccamonfina, nel Casertano, cui i carabinieri forestali hanno notificato la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa dal Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della Procura.

Pubblicità

L’indagine è partita da numerosi episodi di roghi di materiale in legno abbandonato in un fondo della località Socce di Roccamonfina; i carabinieri delle stazioni di Roccamonfina e Vairano hanno quindi installato nella zona delle telecamere di videosorveglianza, constatando almeno quattro casi di scarti di lavorazione del legno portati nel fondo con un trattore munito di rimorchio, abbandonati e dati alle fiamme.

I successivi accertamenti hanno permesso agli inquirenti di risalire al proprietario dei mezzi, l’imprenditore titolare di un’azienda del settore lavorazioni boschive e commercio all’ingrosso di legno, e dei due suoi operai che materialmente sversavano i rifiuti. I mezzi meccanici sono stati sequestrati.

Setaro

Altri servizi

La tentata rapina finisce nel sangue: 37enne fermato

La vittima era stata portata in ospedale da alcuni residenti Un 37enne napoletano, già noto alle forze dell’ordine, è stato sottoposto a fermo dai carabinieri...

2 ladri di auto sorpresi dai carabinieri, scatta arresto

Ladri di auto in 'trasferta' da Scampia a Casoria sorpresi dai carabinieri proprio mentre stanno tentando l'ennesimo 'colpo'. È accaduto la notte scorsa: in...