Federproprietà Napoli

Rifiuti abbandonati e bruciati, indagato un imprenditore

Pubblicità

L’uomo incastrato dalle telecamere di videosorveglianza

Scarti di lavorazione del legno abbandonati e dati alle fiamme: è l’accusa a carico di un imprenditore di Roccamonfina, nel Casertano, cui i carabinieri forestali hanno notificato la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa dal Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della Procura.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’indagine è partita da numerosi episodi di roghi di materiale in legno abbandonato in un fondo della località Socce di Roccamonfina; i carabinieri delle stazioni di Roccamonfina e Vairano hanno quindi installato nella zona delle telecamere di videosorveglianza, constatando almeno quattro casi di scarti di lavorazione del legno portati nel fondo con un trattore munito di rimorchio, abbandonati e dati alle fiamme.

I successivi accertamenti hanno permesso agli inquirenti di risalire al proprietario dei mezzi, l’imprenditore titolare di un’azienda del settore lavorazioni boschive e commercio all’ingrosso di legno, e dei due suoi operai che materialmente sversavano i rifiuti. I mezzi meccanici sono stati sequestrati.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Pompei, rubano il marsupio del parroco: denunciate due rom

Durante i controlli della polizia Due giovani di origini rom sono stati denunciati per concorso in furto aggravato. Avrebbero rubato il marsupio del parroco di...

Tir precipita dal viadotto in autostrada: due persone decedute nel Salernitano

Un tir è precipitato da un viadotto lungo l'autostrada A2 tra gli svincoli di Campagna e Contursi, in provincia di Salerno. Nell'incidente, che si...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook