Federproprietà Napoli

Bimbo morto in incidente in scooter, denunciati padre e donna

Pubblicità

Tre anni, era su scooter guidato dal papà finito contro un’auto

La Procura di Napoli ha aperto un fascicolo d’inchiesta sull’incidente avvenuto venerdì scorso nei pressi della stazione centrale di Napoli costato la vita a un bimbo di soli 3 anni e mezzo che viaggiava su uno scooter guidato dal padre. Gli inquirenti ipotizzano il reato di omicidio stradale.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La Polizia Municipale ha presentato una denuncia all’autorità giudiziaria nei confronti del genitore della piccola vittima e nei confronti di una donna che era alla guida di una vettura coinvolta nella collisione.

Secondo la ricostruzione dell’accaduto il piccolo, che era seduto davanti al padre, è rovinato pesantemente al suolo dopo lo scontro tra scooter e auto riportando gravi lesioni al capo.

La morte celebrale è stata dichiarata dopo qualche giorno. A breve sarà  conferito l’incarico al consulente della Procura che poi eseguirà l’autopsia.

Pubblicità

Il bambino, che aveva il casco in testa, sarebbe stato sbalzato a diversi metri di distanza. Gli inquirenti sono anche in attesa dei risultati dei test tossicologici eseguiti sia sull’uomo, sia sulla donna. Il bambino, inoltre, sempre secondo gli accertamenti, non si sarebbe dovuto trovato a bordo dello scooter: l’età minima fissata dalle norme è di cinque anni.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Covid-19. Lockdown e drammi causati: ansia, insonnia, intolleranza sociale, obesità e malattie cardio-vascolari

Non è il caso né il luogo per trattare i danni causati dalla pandemia coronavirus, chiaramente dimostrati dal numero dei decessi - 85.000 -...

‘Family act’, la nuova millanteria del governo Conte: promette alle famiglie soldi già loro

Sostenere la genitorialità, la funzione sociale ed educativa delle famiglie, contrastare la denatalità, valorizzare la crescita armoniosa dei bambini e investire sul protagonismo giovanile,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook