Duplice omicidio a Ponticelli, una delle vittime stava lavorando: non era legato a clan

Un uomo si è consegnato agli inquirenti della Procura di Napoli

Un uomo, che potrebbe essere coinvolto nel duplice omicidio avvenuto questa mattina nel quartiere Ponticelli di Napoli – costato la vita a Carlo Esposito, 29 anni appena compiuti, e ad Antimo Imperatore, 55 anni – si è consegnato agli inquirenti della Procura di Napoli. Al momento non è nota l’identità del soggetto e neppure il grado di coinvolgimento nel duplice assassinio. Sull’accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli e della compagnia di Poggioreale, coordinati dal sostituto procuratore Urbano Mozzillo.

Pubblicità

Contrariamente a quanto appreso in un primo momento da ambienti investigativi Antimo Imperatore, una delle due vittime del duplice omicidio di Ponticelli, non apparteneva a nessun clan camorristico. Era noto nel quartiere perché faceva piccoli lavoretti a domicilio; forse si trovava in quell’appartamento (è stato ucciso sull’uscio) proprio perché stava montando una zanzariera.

Setaro

Altri servizi

Imprenditore legato al clan dei Casalesi: confisca da 4 milioni di euro

Era già stato condannato alla pena di anni sei di reclusione Beni per quattro milioni di euro sono stati confiscati dai militari del nucleo di...

Il ddl Autonomia differenziata è legge: dai Lep ai tempi di attuazione

Le richieste di autonomia partono su iniziativa delle stesse regioni sentiti gli enti locali Il ddl sull’Autonomia differenziata delle Regioni a statuto ordinario è una...