Legge Bilancio 2022: una manovra che apre all’assalto alla diligenza

Governo e signore grandi firme festeggiano ma molte aziende minacciano di fermare la produzione per il caro bollette

Quasi nel silenzio generale, perché tutti erano impegnati a litigare sulla responsabilità dell’affossamento del ddl Zan – è stata approvata la legge di bilancio 2022, della quale nonostante il via libera del Consiglio dei ministri e la conferenza stampa del premier se ne sa molto poco, eppure tutti continuano a dirsene entusiasti.

Pubblicità

In realtà, pare di essere tornati ai tempi del governo gialloverde e delle «approvazioni salvo intese». Tutto sembra essere stato lasciato in sospeso. In attesa del Parlamento, quasi come se qualcuno avesse ritenuto opportuno lasciare lo spazio ai partiti per il solito e rituale assalto alla diligenza. Non ci resta che attendere l’inizio del dibattito. E sapremo se la mia è soltanto un’illazione conseguente al fatto di esssere un tantinello malpensante o della mia quarantennale esperienza di osservatore e commentatore della politica e dell’economia.

Ma tornando a bomba, l’unica cosa nota davvero e che, a detta del premier, sarà una manovra espansiva – e personalmente aggiungerei futuribile – di 30 mld annui per 3 anni, di cui, 24 in deficit, e ben 540 miliardi d’investimenti per i prossimi 15. Sono diventati 12 i miliardi per il taglio delle tasse. Agli 8 iniziali ne sono stati aggiunti altri 4 ma per ora non si sa da dove verranno e come e dove saranno utilizzati e per quali misure. Sulla carta si parla di cuneo fiscale, Irap e Irpef, ma come del «doman» del de Medici «non v’è certezza».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Se ne discuterà in Parlamento. E sarà questa la breccia da dove i partiti passeranno per assaltare la diligenza. Un ulteriore miliardo è andato al reddito di cittadinanza il cui totale annuo arriva così a 10 miliardi e scusate se è poco. È assurdo imporre ad ultra sessantenni di continuare a lavorare e intanto insistere nel foraggiare i nulla facenti.

Legge Bilancio 2022, in tema di previdenza introdotta quota 102 ma solo per il 2022

Per il dopo ci si accorderà con i sindacati. Solo 2 i miliardi stanziati per allegerire i costi di bollette luce e gas. Un po’ pochini, dal momento che molte aziende minacciano di fermare la produzione e cittadini e famiglie finiranno pagare attraverso la crescita dei prezzi dei prodotti finiti anche quota parte degli aumenti energetici di competenza del sistema produttivo. E per fortura, Sugar e plastic tax sono state rinviate al 2023.

Nell’attesa, però – al di là dei 30 miliardi annui e dei 540 da investire nei prossimi 15 anni – sarebbe bello sapere a fine mese cosa succederà nelle tasche degli italiani. Che fanno fatica a rendersi conto della crescita del Pil che Istat e governo continuano ad annunciare con grande orgoglio, ma che deve ancora arrivare; mentre s’accorgono immediatamente della crescita dell’inflazione causa l’aumento dei prezzi che gli porta via una fetta sempre maggiore dei propri redditi.

Leggi anche:  Il governo accelera sul ddl sicurezza ma il centrosinistra si oppone

Intanto, poiché la pandemia è finita, seppure solo per consentire al fisco di far cassa, dovranno provvedere a mettersi in regola con l’Agenzia dell’Entrate, provvedendo al saldo delle tasse finora prorogate causa coronavirus.

Setaro

Altri servizi

«Da imputati assoluta indifferenza verso la vita di Desirée»

La vittima «lasciata morire per tutelare la piazza di spaccio» «Volontarietà della azione criminosa» compiuta ai danni di Desirée Mariottini «dagli imputati Salia, Alinno e...

Università telematiche in Italia: 20 anni fa la nascita grazie a UniMarconi

Due decenni di innovazione e leadership nel campo dell’e-learning Ieri, l’Università degli Studi «Guglielmo Marconi» ha celebrato il suo ventesimo anniversario con una cerimonia solenne...