Federproprietà Napoli

A Parigi “Desiderio di un figlio”, supermercato per la procreazione assistita

Pubblicità

Si terrà il prossimo settembre a Parigi un salone particolare chiamato “Desiderio di un figlio” e già si prefigura come una specie di supermercato della procreazione. Parteciperanno cliniche specializzate nella cura della fertilità, consulenti e intermediari, commercianti di sperma e d’ovociti che sponsorizzano la possibilità di scegliere differenti opzioni come il colore dei capelli, degli occhi o della pelle, sarà messa in opera una rete logistica per il trasporto di gameti o embrioni, ci saranno laboratori di analisi, ovviamente i media del settore insieme alle maggiori industrie farmaceutiche impegnate nelle sperimentazioni per la fertilità.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il programma completo non è stato ancora pubblicato, ma già si conoscono i primi partecipanti provenienti da differenti nazionalità, soprattutto spagnoli ed ucraini.

Per la seconda volta quindi ai parigini si offrirà un supermercato che vende gameti, affitta uteri, acquista bambini su misura o su ordinazione, tutte materie che investono la commercializzazione del corpo umano ma che dovrebbero essere vietate per legge e che rientrerebbero, a voler essere pignoli, nella violazione dell’art.1 della Convenzione contro la schiavitù e il commercio di esseri umani firmata nel 1961. Sicuramente un “affaire” sordido come il commercio triangolare o la tratta arabo-musulmana ma che viene offerto in una atmosfera virtualmente sterilizzata: l’era eugenista e transumanista avanza implacabile e già annuncia la fine della dignità dell’uomo.

Gli organizzatori assicurano: soltanto una riunione. Ma si resta nel dubbio

Ha previsto la sua partecipazione anche l’associazione “PMAnonima” che milita per la cancellazione dell’anonimato dei donatori di gameti e si occupa dei bambini nati dai terzi donatori, convinta che proprio questo anonimato possa causare dolori e sofferenze senza invece chiedersi che proprio l’anonimato dei terzi donatori garantisce quei bambini una volta divenuti adulti. Gli organizzatori del salone assicurano che si tratterà soltanto di una riunione d’informazione e che nessun contratto o visita medica potrà essere autorizzata. Ma si resta nel dubbio e nella convinzione che nessuna autorità si interporrà allo svolgimento del salone.

Leggi anche:  Troppi pazienti: ospedale Cardarelli chiude pronto soccorso
Pubblicità

Ormai il meccanismo è in marcia, la ruota del matrimonio tra persone dello stesso sesso comporta il tema dell’adozione, da quella senza padre – procreazione medicalmente assistita (PMA) – a quella della gestazione per altri (GPA).

Nessun veto a questa manifestazione e nessuna autorità si opporrà a questo supermercato delle future generazioni anzi, ai nostri politici, potrebbe anche venire in mente di inventarsi diritti di dogana da esigere per un bambino nato all’estero da GPA o instaurare una sorta di ritenuta d’acconto per i servizi pagati da clienti nazionali ai prestatori stranieri. Certo persiste quell’ipocrisia che, a proposito della GPA, qui da noi ancora dice «mai», dimenticandosi di aggiungere… «per il momento».

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Dispersione scolastica, denunciati altri 45 genitori nel Napoletano

Alcuni bambini non hanno mai frequentato la scuola dell'obbligo Sono 45 i genitori denunciati in provincia di Napoli dai Carabinieri nell'ambito della campagna contro la...

In nome di un’infatuazione europeistica stiamo cancellando lo Stato Nazione

Alla fine della ideologie ci siamo gettati nell’infatuazione europeistica più acritica, anche perché ci trovavamo l’alibi giusto al disinteresse nei confronti di una dimensione...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook