Federproprietà Napoli

Covid-19, Italia di nuovo divisa in due: la protesta dei ristoratori blocca l’autostrada A1. Investito un manifestante

Pubblicità

Ancora l’Italia divisa in due dalle proteste per le misure restrittive per l’emergenza Covid-19. Una nuova manifestazione ha bloccato l’autostrada A1 all’altezza di Incisa in entrambe le direzioni. In strada i ristoratori che chiedono ancora una volta al Governo di ridurre le restrizioni e di consentirgli di lavorare.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Secondo i protestanti a nulla serviranno le prossime riaperture previste per il 26 aprile. Per l’organizzazione, l’associazione Tutela Nazionale Imprese le misure intraprese sono completamente insufficienti: pochi i ristoratori che potranno riprendere il lavoro e molti dovranno farlo all’esterno col freddo.

Dieci le richieste rivolte al Governo: lo stop al coprifuoco; apertura dei locali il 25 aprile a pranzo e a cena, sia dentro che fuori i locali; no al distanziamento di 2 metri; nessun obbligo di pagamento solo tramite pos; tavoli anche per i frequentatori abituali, non più solo congiunti; voucher emergenziali; esonero della richiesta del Durc; moratoria legge Bersani fino al 2023; nessun pass vaccinale; abolizione tetto del 30% per gli indennizzi e mai più chiusure.

Tra i protestanti anche Hermes Ferrari, ristoratore il 6 aprile scorso a Roma era vestito da sciamano come Jake Angeli durante gli scontri di Capitol Hill: «Io mi sono travestito solo per farmi notare e far notare la nostra disperazione ma mentre la gente piangeva davanti  e chiedeva solo un aiuto al Parlamento o di riaprire, tutti i giornalisti si sono concentrati solo su un cappello e due corna».

Pubblicità

«Non ne possiamo veramente più – spiega ancora dovete farci riaprire, perché veramente questo è un disegno criminale per far saltare la spina dorsale delle partite Iva italiane. Non è vero che siamo evasori, perché noi siamo la spina dorsale dell’Italia, e saltiamo ci sono milioni di posti di lavoro che se ne vanno».

Leggi anche:  Tribunale di Nola, il Csm trasferisce il procuratore Triassi per incompatibilità
Leggi anche:  Irma Testa vola nella Storia: è in semifinale e affronterà Nesthy Petecio

Un momento della protesta (foto Fb TNI Italia – Tutela Nazionale Imprese)

Si è sfiorato però il peggio quando durante la protesta un automobilista ha forzato il blocco investendo uno dei partecipanti al blocco che è caduto e ha riportato delle ferite a una spalla ma non è in gravi condizioni. L’auto è stata bloccata poco dopo da una pattuglia della polizia stradale all’altezza del casello di Barberino del Mugello e il guidatore è stato identificato.

Intanto Autostrade per l’Italia comunica che all’interno dei tratti chiusi, il traffico è bloccato e ci sono 6 km di coda verso Roma e 5 km verso Bologna. Chi è in viaggio verso Roma deve uscire a Firenze sud dove si registrano 2 km di coda e può rientrare in autostrada a Valdarno dopo aver percorso la viabilità ordinaria mentre chi è diretto a Bologna deve uscire a Valdarno dove ci sono incolonnamenti per 6 km e può rientrare in A1 ad Incisa.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Covid-19. La Pietra (FdI): «Agroalimentare allo stremo ma da governo nessun sostegno»

«I commercianti di prodotti freschi di frutta e verdura sono allo stremo, ma dal governo non arrivano misure di sostegno adeguate. L’audizione in Commissione...

Regionali Campania, Ciarambino (M5s): «Ministero verificherà mancata attuazione rete Covid nella regione»

«Oggi ho ottenuto l’impegno del viceministro alla Salute Sileri affinché il ministero verifichi di persona perché De Luca, nonostante abbia ottenuto 200 milioni dal...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale