Federproprietà Napoli

Mafia e traffico di stupefacenti, 21 misure cautelari tra Catania, Lecce e Milano

Pubblicità

Il comando provinciale dei carabinieri di Catania ha eseguito questa mattina un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 21 persone, indagate, a vario titolo, per associazione mafiosa, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti,estorsione e lesioni pluriaggravate, con l’aggravante del metodo mafioso. Il blitz è scattato all’alba nella province di Catania, Milano e Lecce.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, l’indagine ha consentito di delineare la posizione apicale di Benedetto La Motta, 62 anni, referente per la zona di Riposto della famiglia di Cosa Nostra catanese dei Santapaola-Ercolano, nonché quella dei suoi più fedeli collaboratori tra i quali il 76enne Antonino Marano, noto come il ‘killer delle carceri’.

L’operazione dei carabinieri si inserisce nell’ambito di una precisa attività di contrasto avviata dai carabinieri d’intesa con la Dda della Procura di Catania nei confronti della famiglia di Cosa Nostra catanese Santapaola-Ercolano sia nel capoluogo che in provincia, attraverso l’impiego delle componenti investigative altamente specializzate per il contrasto alle infiltrazioni del sodalizio nel settore delle attività economiche, nonché delle compagnie dell’Arna per la disarticolazione di gruppi mafiosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Pioggia di missili su Kiev, Zelensky dispone la «mobilitazione generale»

Le sirene hanno risuonato anche poco fa nella capitale Una pioggia di missili russi è caduta nella notte su Kiev mentre l'esercito ha assediato varie...

Il Meridionalismo aiuti il Sud a crescere senza assistenzialismo e promuovendo il lavoro

"Una pizza con Gianni Alemanno". Questo è il titolo dell'iniziativa che si è tenuta a Napoli presso la storica location del ristorante pizzeria Mattozzi...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook