Federproprietà Napoli

Non solo Coronavirus, l’attività del Pascale non si ferma: 42 operazioni in meno di 2 mesi

Pubblicità

Nonostante l’emergenza Coronavirus, nessuna battuta d’arresto per l’attività operatoria del polo oncologico ‘Pascale‘ di Napoli: in meno di due mesi eseguiti 42 operazioni di chirurgia mini invasiva. Dal 20 febbraio ad oggi, si legge in una nota del Pascale, sono stati eseguiti 12 asportazioni totali di vescica con 2 ricostruzioni di neovesciche ortotopiche, 16 interventi per chirurgia conservativa per tumori del rene, 1 asportazione di neoplasia del fegato, 6 asportazioni del colon-retto per neoplasia, 2 gastrectomie, 5 interventi robotici del distretto testa-collo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Da due mesi – dice il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi – non solo non abbiamo interrotto le normali prestazioni di chirurgia robotica, ma abbiamo cercato di incrementare l’offerta in considerazione dell’aumento di richieste da parte dei pazienti affetti da neoplasie oncologiche e suscettibili di interventi in chirurgia oncologica mini invasiva robot-assistita».

«Voglio, pertanto, ringraziare tutto il personale dell’Istituto che continua a dare il massimo, sul piano professionale e umano, anche in condizioni diventate all’improvviso proibitive. Certo, le misure che abbiamo posto in essere, triage, questionario, misurazione febbre, ossimetria, obbligo della mascherina, riduzione degli accompagnatori, comportano sicuramente disagi per i pazienti e ce ne scusiamo. Lo facciamo nel comune interesse di proteggere al massimo pazienti e operatori».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Alitalia. Ferro (FI): «Decollo con il manuale Cencelli»

«Dopo oltre quattro mesi, con questa maggioranza farlocca, il governo ha trovato una quadra su Alitalia con l'applicazione puntuale del manuale Cencelli, portando il...

Urso (FdI): «Previsioni sbagliate. Via della Seta non ha aumentato l’export dell’Italia»

«Il governo Conte ha scommesso sulla Cina, spiegando che dopo gli accordi sulla via della Seta del gennaio 2019 l’export italiano sarebbe stato favorito...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale